Non sottovalutarti e inizia a credere in te stesso

Ieri ho corso nel parco. La pioggia, il freddo, io ed il mio respiro. Questi sono i miei migliori momenti di “mindfulness” nei quali sono completamente concentrata su ciò che sto vivendo.
Questi sono anche i momenti in cui ascolto me stessa e mi vengono idee, penso, rifletto.

La settimana passata è stata piuttosto complessa da un punto di vista professionale: a volte ci si scontra con persone con le quali non si riesce ad avere dialogo. Per quanto ci si sforzi non si trova un punto di contatto e tutto diventa difficile. Inoltre, per ragioni inspiegabili si finisce per lasciarsi colpire nei propri punti deboli.  Ed allora diventa sempre più complicato gestire un rapporto che non sarà mai quello che volevamo che fosse.
Molto, dal mio punto di vista, ha a che vedere con il sottovalutarsi.

Non amo fare discorsi troppo religiosi, ma chi come me è  stato cresciuto secondo i dettami di una rigida educazione cattolica, non può non scontrarsi prima o poi con il concetto di umiltà.
“L’umiltà è la chiave di salvezza per le nostre anime” mi dicevano.  Ora, dopo tanto tempo, mi domando: come si può sviluppare appieno le incredibili potenzialità a nostra disposizione se ci è stata instillata l’idea di non meritare alcun dono in questa vita se non crescendo nell’umiltà?
Lasciando da parte la religione… “Umiltà: virtù per la quale l’uomo riconosce i propri limiti, rifuggendo da ogni forma di orgoglio, di superbia, di emulazione o sopraffazione”. (Devoto-Oli)
E se essere troppo umili ci portasse a sottovalutarci?

Ecco alcuni tratti comuni ed abitudini di chi si sottovaluta abitualmente:

1. Limiti sensibilmente le tue esperienze di vita, trattenendoti dal raggiungere i tuoi obiettivi e dal fare le cose che davvero ti interessano.

2. Ti confronti costantemente con gli altri: i social media non aiutano. Siamo tutti costantemente affascinati dalle vite degli altri, dipingendole più avventurose e interessanti delle nostre. Non bisogna mai dimenticare che nessuno mette i propri problemi in bella mostra. E allora cosa fare? Concentrati sul tuo percorso, sulle tue unicità: non importa quante persone sanno fare certe cose, solo tu le sai fare in modo unico ed irripetibile.

3. Pensi di non meritarti ciò che di bello ti accade: sottovalutarsi vuol dire spesso non comprendere appieno le proprie doti, credere che non siano sufficienti ad avere successo nella vita,  vivendo in una spirale negativa. Non sono all’altezza e quindi non posso rischiare di provare qualcosa di nuovo.  Ma se non rischi rimarrai sempre al punto di partenza.

4. Non sei grato di ciò che hai: se ritieni di non meritarti ciò che di bello ti accade non riuscirai mai ad apprezzare ciò che già possiedi e non sarai mai in grado di “attirare” positività ed abbondanza.  Thomas Secker,  Arcivescovo di Canterbury dal 1758 al 1768 scriveva:  “colui che è grato per le cose banali godrà di molte cose importanti. Una mente capace di gratitudine è una grande mente.”

5. Ti trattano come ti lasci trattare: è una mia massima di vita. Se non credi in te stesso e ti sottovaluti, come puoi pensare che gli altri ti stimino?

6. Sei un essere unico: comprendi e definisci chi vuoi essere e che vita vuoi vivere. Credilo in ogni tua cellula. Credi in te stesso e nelle meravigliose doti che solo tu puoi condividere con il mondo.

7. Ti circondi di persone negative: è inutile negarlo… frequentare persone negative che non ti supportano non può che portarti ulteriore negatività. Non è semplice, ma “tagliare i rami secchi” ogni tanto e cominciare a frequentare persone più positive e più simili a te non può che farti bene.

Nessuno ha detto che sia un percorso semplice. Ma nemmeno impossibile. Basta incominciare.

Per chi mastica l’inglese vi suggerisco un interessante video: Jim Cathcart ci racconta come credere in noi stessi partendo dalla sua esperienza.

Mariella Borghi

Credits:
The Law of Gratitude:
http://www.psitek.net/pages/PsiTek-the-hidden-power-of-universal-laws-8.html#gsc.tab=0

http://www.mindbodygreen.com/0-16481/7-signs-youre-underestimating-yourself.html

Foto: www.lorirtaylor.com

Tags: , , , ,

%d bloggers like this:
UA-62326712-1